HFO, ovvero il functional training secondo Harbour Club

In un sabato di sole primaverile, con un clima decisamente rigenerante mi è stato chiesto di prendere parte alla prima lezione di HFO nella bella cornice del parco dell’Aspria Harbour Club a Milano.

Il parco Aspria Harbour Club MilanoIl parco Aspria Harbour Club Milano

 

All’arrivo Steve e Selene, rispettivamente fitness manager del club e noto personal trainer e istruttore di HFO lei, mi hanno accolta con un gran sorriso e molta simpatia.

1796767_10152956792794934_1800542097311789599_o-1

Alla vista si è aperto un parco meraviglioso e a un primo colpo d’occhio, impossibile non notare una sorta di “percorso” di guerra preparato per i primi 15 eroi che avrebbero frequentato la lezione di training funzionale studiata dal team di professionisti di Steve Marini. Selene è una professionista incallita di questa disciplina, insegna in numerosi centri specializzati e ha subito raccolto la sfida firmata Harbour Club per una bella stagione che possa portare il fitness all’aperto. Ovviamente in un Club che lo consente con generosità, come Harbour.

RiscaldamentoRiscaldamento

Ho fatto due chiacchiere con Selene. Non ho potuto resistere alla tentazione di sapere a cosa sarei andata incontro.

Che cos’è HFO e come nasce?
Tutto è nato dall’incontro con Stefano che si è lasciato conquistare dall’allenamento funzionale che pratico, ormai, da quattro anni. Allenamento che riteniamo essere la svolta del training e che ci piacerebbe potesse avere successo anche qui.

Perché il funzionale?
Perché sono movimenti che si possono fare anche nella vita quotidiana e non necessariamente con l’utilizzo di macchine. Un esempio è il classico piegamento sulle gambe. Inoltre è possibile coinvolgere una grande quantità di muscoli in un allenamento ad alta intensità che comporta un lavoro cardiovascolare importante, ma sempre modulabile e un attività muscolare altrettanto scalabile.

Ancora warm up!Ancora warm up!

Quindi, in parole semplici, tonificazione e brucia-grassi, corretto?
Esattamente. Riesce a unire entrambe le cose. La scalabilità consente di avvicinarsi all’obiettivo completo, di un certo esercizio, per gradi. Con il proprio tempo. C’è sempre un livello per tutti.

Ma qual è il segreto del successo del funzionale?
Oltre all’efficacia, sicuramente il fatto di farlo in gruppo. Il gruppo diventa una sorta di supporto morale che ti aiuta a spingere anche quando ti sembra di non farcela più. Non è una gara tra i partecipanti alla stessa sessione, ma una sfida con se stessi. Gli altri che si allenano con te, si trasformano in una vera e propria risorsa!

Seconde ripetuteSeconde ripetute

Questa è una location d’eccezione, rispetto alle classiche palestre dove si pratica il funzionale, giusto?
Assolutamente sì! Questo è il primo spazio a Milano che consente di praticare functional training all’aperto. Stefano e io siamo molto soddisfatti di essere riusciti a portare una parte di funzionale qui all’aperto, mancano solo i bilancieri. La cross station è stata costruita ad hoc da Bear Fitness che è nostro sponsor tecnico ed è un’azienda che fa proprio questo.

Quanto dura una lezione di HFO?
La durata può variare dai 15 ai 45 minuti a seconda del programma della giornata che un trainer ha previsto. Numero di ripetizioni, carichi e tipologie di esercizi possono variare continuamente.

IMG_4825

Selene è stata scelta dal Club e da Steve, perché è laureata in Scienze Motorie, è Cross Fit Trainer ed è in grado di gestire con attenzione e professionalità tutti coloro che scelgono di frequentare queste classi.

“La struttura è stata realizzata per sfruttare tutta la stagione più bella, poi sulla scia di questo, che sarà un successo sicuro, lavoreremo per portare indoor il tutto”, ha concluso Steve Marini.

Insomma, per concludere, io l’ho fatto e ne vedete le prove. E’ molto faticoso, lo ammetto. Oggi ho dolori ovunque come se non mi allenassi mai, ma ho capito che l’allenamento deve variare sempre. Questo è il bello. Questo mi ha fatta divertire e scoprire limiti personali – a carico di alcune fasce muscolari – che non metto mai alla prova. Quindi… se mi chiedete se lo rifarei, la risposta è assolutamente sì.

Grazie a tutto lo staff per il supporto, i consigli durante la sessione e il tifo che non è mai mancato!